sck

Barra/A
Coworking

2012
Milano
Architettura
Architecture

"Progetto di arredo interno e concept per l'ampliamento del coworking barra/A"

Committente
Client
Avanzi S.r.l.




Nella teoria degli insiemi, l'intersezione di due insiemi a e b è data dall'insieme formato da tutti gli elementi che appartengono sia all'insieme a che all'insieme b contemporaneamente.

a. Un grande open space da arredare in maniera flessibile per ampliare l'attuale sede del barra a. quello dedicato al coworking è uno spazio ampio, quadrato, a doppia altezza, con un'appendice, nella parte dove il soffitto è più basso. Qui vengono dislocati i servizi e uno spazio di lavoro più isolato.

b. Il bike cafè parte dalla strada. Una sorta di tunnel in salita, da cui si scorge un interno lungo e stretto, ne costituisce la vetrina. Da un lato lo spazio dedicato al pedone, dall'altro quello dedicato ai ciclisti. una sequenza di spazi coperti e scoperti, freddi e caldi, si susseguono in linea. Osservando la pianta, lo spazio interno prende la forma di una elle, agli estremi della quale vi sono i servizi. Entrando sulla destra lo spazio bancone
e cucina sono delimitati da una vetrata, più o meno opaca, che confina con lo spazio di lavoro. questa vetrata continua per tutto il lato destro della elle e costituisce il sottile confine tra lo spazio del bar e quello del cooworking.

Intersezione.
Tale confine è interrotto bruscamente da una sorta di "scatola aperta", lunga e sottile, sospesa dal suolo a circa 2 metri e mezzo d'altezza, trasversale e in aggetto nello spazio del bar. 
Questa "scatola", insieme allo spazio sottostante che delimita, costituisce una sorta di spazio ibrido tra le due attività e consente la gestione dei flussi dei diversi utenti. Di giorno è ad uso esclusivo dello spazio di cooworking, come area per riunioni più o meno informali, di sera invece diventa una protesi del bar


Like a game, rules help us to sort and structure the space.
The boundary of free interpretation of these rules, the continued take over of different players, always brings with it new results which are space greatest potential value.
On this potential we wanted to act.
We prepare a place to be able to welcome and accommodate the free "polite behavior".
The result is a flexible strategy and dynamic, able to generate "n" variations and configurations of the space.